CHIARRI MILANO SRL Attraverso un concept store, nel cuore di Milano, il progetto “Couturier maestri d’arte” si propone di dar vita ad uno spazio per prodotti e servizi di elevato livello qualitativo. Arte, moda, creatività da vivere, acquistare o assaporare attraverso una vera e propria esperienza sensoriale.

  • Italia

Il progetto Couturier- Maestri d'Arte nasce dall'esigenza di raccontare e valorizzare la vera essenza della cultura, dell'arte, della storia e dell'identità della Sicilia attraverso una personale visione dello stile e dell'eleganza, veicoli di alti valori culturali.
La ricerca della bellezza, della qualità e dell'eleganza si basa su uno studio rigoroso che va oltre le dinamiche meramente economiche e commerciali. Parte da qui l'idea di raccontare una personale visione della realtà circostante. Mettere insieme tutti i tasselli di questo complesso puzzle non è stato facile, ogni elemento doveva coincidere e coesistere con l'altro per creare un disegno affascinante e unico.
Il concept, ispirandosi nell'arco dell'anno ad alcuni selezionati elementi tematici, interpreterà di volta in volta un argomento storico e culturale proponendo un accostamento di arte, architettura, fotografia, creazioni stilistiche, gioielli e pubblicazioni, strettamente collegati al messaggio culturale che ad ogni campagna si intende promuovere e valorizzare.
Il concept, ubicato a Milano al numero 3 di Largo Donegani (entrata Via della Moscova 7), è stato creato sotto la direzione artistica dell'architetto Sebastiano Provenzano. Il suo progetto ha voluto conferire a questo spazio, nel cuore della città meneghina, un'immagine che restituisse l'idea del Barocco siciliano. Alla visione ormai stereotipata e folcloristica della Sicilia si è voluto anteporre, infatti, un'estetica che raccontasse la forte identità culturale di questa terra ibridata in secoli di dominazioni che hanno lasciato indelebili tracce di arte. Riprendendo l'immagine e le cromie di decorazioni e ornamenti che caratterizzavano le antiche residenze nobiliari, lo spazio vetrina del concept sarà così caratterizzato da una sequenza di pannelli che ripresentano i decori dei soffitti a cassettoni tipici delle dimore siciliane. La sequenza di pannelli decorati a mano, differenti per motivi ornamentali e cromatici, contraddistingue una parete e il soffitto della sala, quasi una moderna wunderkammer, una stanza delle meraviglie, topos figurativo dell'estetica barocca.
Si potrà, inoltre, osservare un gioco di rimandi evocativi della storia e dell'arte siciliana in installazioni con pannelli fotografici. Questo luogo espositivo sarà periodicamente allestito secondo un tema prescelto in cui un'opera d'arte dialogherà con il suo ideale contesto di appartenenza. Le vetrine espositive saranno realizzate, sotto la direzione artistica di un visual merchandising che trasformerà lo spazio espositivo del concept in un contenitore di suggestioni che riconducono ad una terra intrisa di arte e storia; evocando, in tal modo, la magia della Sicilia che, sin dai tempi più remoti, è stata meta prediletta degli Dei, dominata ed influenzata dalle numerose popolazioni e dominazioni che si sono succedute.
Impreziosiranno il concept le permanenti e mutevoli esposizioni di arte orafa siciliana che partendo da Fulco di Verdura, sono andate indietro nei secoli alla ricerca di quella che che può essere definito "la fatale attrazione dei Siciliani" si arriva, così, alla scoperta/riscoperta della corona di Costanza D'Aragona, XII secolo, considerata uno degli esempi più fulgidi di oreficeria Siciliana, eseguita nelle "mitiche" nobili officinae palerminate. In questi "Atelier", ubicate all'interno delle mura del palazzo Reale, lavoravano in magica simbiosi orefici, tessitori ed artisti locali, arabi, bizantini, ed ebrei che fecero Palermo la capitale artistica del tempo.
Il concept ospiterà al suo interno una serie di capsule collection firmate da diversi nomi della sartoria italiana rigorosamente selezionati dalla Camera Nazionale Giovani Fashion Designer, i quali creeranno collezioni di moda ispirandosi di volta in volta a un tema suggerito che sarà poi oggetto di una serie di pubblicazioni.
Da settembre 2019 sarà lanciata la collezione dedicata interamente ad un couture giornaliero e da cocktail, che rappresenterà il concetto di creatività ed eleganza italiana.
All'interno del concept "Couturier Maestri d'Arte" è presente una straordinaria collezione di abiti da sera, con nomi sia italiani che internazionali.
Il concept fin dalla sua apertura nel febbraio 2019 sarà soggetto per 12 mesi ad un monitoraggio per il raggiungimento degli obiettivi economici al fine di sviluppare il format a livello internazionale. Il risultato della sperimentazione rafforzerà la credibilità della azienda consolidando il know-how e creando le basi di una strategia di sviluppo del progetto franchising.
In questi 12 mesi si svolgeranno ricerche che mireranno ad evidenziare il potenziale target dei consumatori identificando alcuni caratteri demografici e valutando i comportamenti di consumo nei confronti del mondo a cui si vorrebbe ispirare l'unità pilota. La complessità di questa prima parte è costituita dalla necessità di coniugare l'offerta core con eventuali "altri prodotti complementari" che potrebbe essere necessario identificare per rendere sostenibile l'offerta la cui coerenza, nella mente del consumatore, è da verificare e veicolare.
L'intento è quello di usare lo store come un canale di marketing; uno spazio che vende stili di vita distintivi deve usare i propri punti fisici per raccontarsi. C'è un'attrattiva nei rituali di consumo che viene disegnata sia per tenere I client più a lungo nello store, sia per trasformare i negozi in veri e proprie hub culturali e sociali.
Il negozio fisico sarà sempre più un luogo con una forte connotazione esperenziale. Nel concreto, le tecnologie saranno impiegate per generare una stimolazione sensoriale il più possible completa. Non solo immagini e suoni in grado di trasformare il grado di engagement, ma anche l'utilizzo di simulazioni tridimensionali di ologrammi.
L'esperienza sensoriale sarà una delle chiavi per differenziare il retail fisico da quello online.
Creatività ed intuizione trasformate in impresa, un nuovo concetto di mecenatismo e valorizzazione dell'imprenditoria italiana. Ricerca e selezione accurata dai brand saranno uniti da un unico comun denominatorie, esaltazione del patrimonio culturale ed artistico italiano e sopratutto siciliano.
Un scenario che rievoca I fasti del Regno delle due Sicilie, un'esperienza sensoriale fra storia ed eleganza, oggetti d'arte, fotografia, creazioni stilistiche e gioielli.
Storia e cultura saranno in collegamento direttamente con il future grazie alle nuove tecnologie come I led wall che trasmetteranno temi ed evocazioni facendo vivere agli ospiti una vera e propria experience di grande impatto e condivisione culturale.
Stilisti, creativi, artisti e fotografi daranno forma a realizzazioni e oggetti con un'identità, una storia, speciali nella loro unicità ma condivisibili con tutti coloro che ne vorranno cogliere la reale essenza.